Cronache Bastarde

inchieste tra giornalismo e racconto

Grillo contro tutti: il voto di protesta spaventa l’Europa

leave a comment »

La stampa europea continua a parlare dell’Italia, mostrando preoccupazione per la stabilità dei mercati che reagiscono con nervosismo data l’assenza di un vero vincitore. La paura dei leader internazionali è che l’instabilità, dovuta all’impasse politica in cui ci troviamo, si diffonda al resto dell’eurozona, ancora convalescente. Il voto di protesta, infatti, torna a far tremare l’euro, essendo un chiaro segno del malcontento legato al rigorismo di Mario Monti, nonché all’austerity imposta dalla Germania.

Gli analisti, in pratica, temono che l’ Italia provochi un crollo azionario in tutta l’eurozona, a partire dall’economia portoghese. A questo punto c’è chi dice che i partner europei dovrebbero cominciare a riflettere seriamente sulle misure imposte ai paesi del Mediterraneo, i più penalizzati economicamente da quando è cominciata la crisi. Gli italiani, votando in massa il Movimento Cinque Stelle, è come se avessero gridato “Basta” al riformismo e alla moneta unica. Grecia, Spagna e Portogallo molto presto potrebbero fare lo stesso.

Qualche voce importante, nel frattempo, inizia a uscire fuori dal coro. Simon Jenkins, stimato giornalista dell’autorevole quotidiano britannico Guardian, è entusiasta del cambiamento in atto. “Complimenti Italia!”-scrive in un articolo intitolato “Beppe Grillo scuote l’intero sistema europeo”- sottolineando come il risultato delle elezioni rappresenti un trionfo della democrazia che farà uscire il paese, e l’Europa, dal dogma dell’austerità. “Il vero vincitore è Beppe Grillo, un comico pungente che ha lanciato un messaggio forte e chiaro: l’austerità, l’euro e la corruzione sono la causa degli annosi problemi dell’Italia”.
Jenkins prevede due scenari per il futuro: “Se va bene il paese uscirà dall’euro e s’incamminerà verso la ripresa economica; altrimenti rimarrà per sempre nelle mani dei banchieri europei. In entrambi i casi ricorderà questo momento. E anche noi”.

C’è chi sostiene che il Movimento di Grillo sia soltanto un’illusione, in cui credono le persone rimaste con le tasche vuote e disgustate dagli scandali che hanno contraddistinto la classe politica degli ultimi vent’anni. Un’illusione pronta a sgonfiarsi essendo un programma pieno di “no” e, quindi, un antiprogramma. Tuttavia è ancora presto per dire se questa nuova forza sia effettivamente solo un sogno visionario, impossibile da realizzare per via di quella stessa vocazione antipolitica che ora ne sta decretando il successo: ormai sappiamo bene che, in Italia, tutto è possibile.

Ciò che è certo, invece, è che l’M5S ha preso 9 milioni di voti senza fare ricorso alle reti televisive e ai rimborsi elettorali. Altra certezza è la scomparsa dei vecchi centristi e dei radicali.
A conti fatti lo tsunami c’è stato. Eccome.

Written by Cronache Bastarde

27 febbraio 2013 a 15:33

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: