Cronache Bastarde

inchieste tra giornalismo e racconto

Catrame alle Isole Egadi. Rimossa oltre una tonnellata a Favignana

leave a comment »

FavignanaFavignana, una perla del Mediterraneo, offesa dal catrame spiaggiato nei giorni scorsi.

Le  squadre di Legambiente protezione civile stanno ripulendo, a mano con un lavoro certosino, circa un chilometro e mezzo di costa investita dallo sversamento di idrocarburi. Un lavoro tutto manuale, con raschietti e palette per non danneggiare il delicato ecosistema costiero, metro per metro. A Favignana i volontari impegnati nella pulizia della costa nord-ovest dell’isola contaminata hanno già rimosso oltre una tonnellata di catrame. Vento forte e mareggiate permettendo.

“E’ un catrame molto solido – racconta Francesca Ottaviani, coordinatrice delle squadre di Legambiente protezione civile – spiaggiato a macchia di leopardo su 5 chilometri di costa, quasi tutta a scogliera e molto frammentata. Su ampi tratti è arrivato a schizzi mentre il grosso degli accumuli è a riva e nelle pozze di scogliera. Le mareggiate hanno chiaramente ritardato il ritmo delle operazioni, che vanno condotte in maniera molto attenta e precisa per limitare il più possibile il danno e l’invasività dell’intervento”.

Ancora molto lavoro da fare, dunque, nonostante i buoni risultati già raggiunti dalla squadra di Legambiente, anche con la collaborazione del gruppo locale dell’Associazione vigili del fuoco in congedo. Nell’area marina protetta delle Isole Egadi proseguono le azioni di pulizia lungo il tratto di costa interessato. Dopo la rimozione manuale di tutti i grossi accumuli di catrame, sarà valutata la procedura più idonea per una seconda fase più minuziosa di rimozione di ulteriori residui.

“Lo sversamento più o meno accidentale di idrocarburi sulle nostre coste – dichiara Linda Guarino, presidente del circolo Legambiente Egadi – avviene purtroppo con una certa frequenza, mettendo in serio pericolo il delicato ambiente costiero del nostro arcipelago. Sono, però, tutte le aree marine protette e l’intero Mediterraneo a correre questo rischio. Per questo motivo ritengo che siano urgenti tanto strumenti più adeguati di prevenzione e repressione, quanto politiche energetiche che si rivolgano a modelli di sviluppo sostenibile, dove le ragioni economiche trovino un punto di equilibrio con le ragioni etiche”.

Written by Cronache Bastarde

31 gennaio 2013 a 11:33

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: