Cronache Bastarde

inchieste tra giornalismo e racconto

Mafia e cemento selvaggio: una piaga italiana

leave a comment »

abusivismo edilizioAbusivismo edilizio. Vale a dire colate di cemento illegale e rischio idrogeologico. Una piaga da sanare.
Il fenomeno dell’illegalità diffusa legata al ciclo del cemento, in Italia ha raggiunto proporzioni enormi rispetto ad altri Paesi, con pesanti conseguenze sullo sviluppo urbanistico, sulla qualità del paesaggio, sull’economia e sulla sicurezza del territorio.
“L’esplosione dell’abusivismo risale alla crisi degli anni Settanta -riferisce Legambiente– quando l’incertezza economica mosse una gigantesca corsa al mattone. In barba alle leggi, venne realizzato un numero impressionante di nuove unità immobiliari. Le seconde case, spesso lasciate vuote o occupate pochi giorni all’anno, invasero la penisola, sorgendo senza ordine né coerenza e devastando alcune delle località più belle del Paese”.

La legge 47 del 1985 consentì per la prima volta di regolarizzare le posizioni dei proprietari abusivi e dei fabbricati: un provvedimento che inaugurò la serie dei condoni edilizi. “Sanatorie -continua l’assoziazione- che ripetute nel 1994 e nel 2003, in nome di un millantato introito straordinario per lo Stato, hanno invece fatto incassare pochi spiccioli e premiato gli abusivi”.

Uno degli aspetti più rilevanti dell’abusivismo, come dimostrano le cronache, è legato alla violazione delle norme in materia di sicurezza. Pensiamo, ad esempio, all’edificazione nelle aree a rischio idrogeologico.
“Dati alla mano, salta all’occhio come il fenomeno sia maggiore nelle aree del Paese a tradizionale presenza mafiosa: in Campania, Sicilia, Calabria e Puglia si concentra il 46,2% delle infrazioni accertate dalle Forze dell’ordine”.

Da qui l’appello di Legambiente: “STOP a mattone selvaggio.”
“Il fenomeno dell’abusivismo edilizio, che ha prosperato indisturbato per decenni, è una ferita continuamente riaperta dalle promesse di condono edilizio. Ma a promuovere il nuovo cemento illegale è un altro “incentivo” micidiale: la quasi matematica certezza che l’immobile abusivo non verrà abbattuto. Nell’indagine che abbiamo svolto su 72 capoluoghi di provincia, sono 4.956 (il 10,6%) le ordinanze di demolozione eseguite su un totale di 46.760 emesse”.
Numerose le proposte per il ripritisno della legalità, fra le quali spicca l’abbattimento delle costruzioni fuorilegge: la migliore cura preventiva contro vecchio e nuovo abusivismo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: