Cronache Bastarde

inchieste tra giornalismo e racconto

Roma, Guerrilla Gardening: contro il degrado in città arrivano i giardinieri sovversivi

with one comment

Armati di zappe, semi e concime prendono il controllo degli spazi abbandonati e incolti della città, riconsegnandoli più belli, verdi e pieni di fiori: sono i giardinieri sovversivi, romani di tutte le età accomunati dalla passione per il giardinaggio e dall’amore per Roma. Questa fantasiosa lotta al degrado fa parte di un vero e proprio movimento: il Guerrilla Gardening.

“Si tratta di un progetto -spiega Fabrizio Girolami, portavoce dei rivoluzionari capitolini dal pollice verde- che punta a recuperare gli spazi urbani inutilizzati o trascurati attraverso le segnalazioni e la partecipazione dei cittadini”. Guerrilla Gardening significa questo: prendere delle piantine e costruire un’aiuola liberamente in un punto degradato della città, rivendicando il gesto per suscitare la curiosità dei passanti. Dal parco al marciapiede sotto casa, dalle aiuole incolte ai cavalcavia, dall’estrema periferia al centro storico. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Tra i bersagli preferiti dei giardinieri sovversivi romani ci sono, senza dubbio, le periferie.

“Tor Bella Monaca è il nostro fiore all’occhiello -continua Fabrizio- ci andiamo periodicamente e i nostri interventi attecchiscono sempre grazie al rapporto di amicizia che si è creato con alcune associazioni culturali del posto, che curano le piante nel tempo”. Insieme ai volontari di Cubo Libro, punto di riferimento del quartiere con la biblioteca popolare, i giardinieri sovversivi hanno costruito delle aiuole a Largo Ferruccio Mengaroni, riempiendo di terra e fiori delle cassette di legno colorate realizzate a mano.

Si tratta dello stesso spirito solidale che ha animato la festa del Primo Maggio al Corviale, dove sono stati piantati migliaia di semi di girasole sulla scarpata in fondo a via Mazzacurati, proprio davanti al Serpentone. “Volevamo regalare un’espolosione di colore a un quartiere dominato dal grigio”, dice Fabrizio.

Per essere dei guerrieri verdi non occorrono particolari abilità, tutti possono contribuire. “Una guerrilla perfetta -chiarisce Vanessa Scarpa, altra portavoce del gruppo romano- è quella in cui partecipano le persone comuni, i passanti che si fermano incuriositi o i residenti che, nei momenti a seguire, si prendono cura degli spazi coltivati rendendoli migliori rispetto a prima”. Quello che conta, oltre a dichiarare guerra al degrado, è il coinvolgimento delle persone.

E l’interesse dei romani sembra reale: i corsi gratuiti di giardinaggio sovversivo che si svolgono all’Acrobax, ex cinodromo di Roma, sono frequentati da persone di tutte le età, dai 19 ai 70 anni.

Come spiega Vanessa: “a Roma si è creata una rete molto forte che riunisce, oltre ai cittadini, anche tante associazioni impegnate nella cura del verde pubblico. In primavera, ad esempio, abbiamo collaborato al progetto dell’associazione Zappata Romana, avviando l’Hortus Urbis: il primo orto antico della capitale situato nel cuore del Parco Regionale dell’Appia Antica”. La riattivazione di questo spazio pubblico, dedicato soprattutto alle famiglie, è stata possibile grazie alle adesioni e al generoso contributo di realtà spontanee e istituzionali, che operano per la tutela del territorio. Il progetto ha ottenuto, infatti, il Patrocinio del Municipio Roma XI e della Provincia di Roma.

“L’entusiasmo per il recupero degli spazi abbandonati della città -conclude Vanessa- continua a crescere soprattutto grazie ai social network, dove ci seguono in tantissimi. Su Facebook vediamo nascere quasi ogni giorno gruppi di Guerrilla Gardening in tutte le regioni e i quartieri d’Italia”.

Segno che la lotta al degrado, oltre a essere divertente, è anche contagiosa.

(Foto: Alessandro Silvi)

Written by Cronache Bastarde

9 luglio 2012 a 10:48

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. bravi ragazzi!!! ma quando ci vediamo al parco di via della stazione prenestina ? a presto tenetemi informato

    angelo

    9 luglio 2012 at 20:03


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: