Cronache Bastarde

inchieste tra giornalismo e racconto

Crisi: l’Europa spreca metà del cibo

leave a comment »

In Europa quasi il 50 per cento dei prodotti commestibili “viene sprecato durante le diverse fasi che intervengono tra la produzione e il consumo”: lo rende noto un articolo comparso sul quotidiano spagnolo El País.
La quantità di cibo che viene buttata ammonta a “mezzo chilo al giorno pro capite, con variazioni sensibili a seconda del paese o del settore”, specifica il giornale madrileno citando come fonte un rapporto discusso il 19 gennaio scorso al Parlamento europeo, relativo proprio allo spreco di cibo.

La discussione in questione potrebbe rappresentare un “campanello d’allarme” da non sottovalutare poichè ogni anno gli europei sprecano:
“179 chilogrammi di prodotti commestibili a testa. La maggior parte degli sprechi si verificano nell’ambiente familiare (42 per cento, di cui il 60 per cento sono apparentemente evitabili). Seguono i produttori con il 39 per cento, i fast food si fermano al 14 per cento e i distributori al 5 per cento”. Sottolineando poi che ben 16 milioni di europei ricevono un aiuto dalle associazioni benefiche, il rapporto chiede che gli avanzi vengano distribuiti ai più bisognosi anziché finire nella spazzatura.

Più in generale secondo le cifre dell’Unione europea, nei 27 stati membri nel 2009 c’erano 115 milioni di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale (23,1 per cento della popolazione), senza contare i 100-150 milioni sul filo del rasoio, a cui bastano due mesi senza stipendio e un’ipoteca da pagare per finire in miseria. Nel 2007 a rischiare la povertà erano “appena” 85 milioni. Nella lista dei nuovi poveri ci sono soprattutto  cittadini greci, spagnoli e irlandesi, ma anche francesi, tedeschi e austriaci.
In Europa il numero di disoccupati è cresciuto di quasi un milione in un anno, fino a sfiorare i 24 milioni. Il tasso di disoccupazione dell’eurozona attualmente ha raggiunto il 10,4 per cento: un record.

La situazione è particolarmente grave nell’Europa del sud, soprattutto in Spagna e Grecia, dove circa la metà dei giovani non ha un lavoro e le condizioni del mercato sono drammatiche.
In Italia la disoccupazione è attualmente al 9,2% e tra i giovani il tasso sale al 31,1%, con un incremento del 2,6% in un anno. Cifre da capogiro.

Written by Cronache Bastarde

1 marzo 2012 a 11:38

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: